Approfondimenti
18/06/2024
LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA)

Il 20 marzo 2024 Il Ministero della Salute ha approvato le Nuove Linee Guida in materia di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) che risultano vincolanti per tutte le strutture autorizzate con lo scopo di fornire indicazioni chiare agli operatori di tali strutture nell’applicazione delle tecniche di PMA.

Le Nuove Linee Guida garantiscono la gradualità nel ricorso a tali tecniche, la consapevolezza dell’espressione del consenso informato durante tutte le fasi della PMA, l’accertamento dei requisiti della coppie, le disposizioni in merito alla sperimentazione sugli embrioni umani e dei relativi limiti.

22/04/2024
RIVOLUZIONE NELLE REMUNERAZIONI DELLE FARMACIE: RICERCA DI UN EQUILIBRIO TRA SOSTENIBILITÀ ED EQUITÀ

Nel mondo della sanità, le farmacie svolgono un ruolo cruciale, fungendo da ponte tra medici e pazienti, fornendo farmaci essenziali, consigli e supporto. Tuttavia, negli ultimi anni, il sistema di remunerazione delle farmacie è stato oggetto di un dibattito crescente, con molte parti che cercano un nuovo equilibrio tra sostenibilità economica ed equità nell'erogazione dei servizi. La ricerca di questo equilibrio ha portato a una serie di innovazioni e cambiamenti significativi nel modo in cui le farmacie vengono remunerate.

FREE READING
04/04/2024
L’ESCLUSIONE DI UN FARMACO DAL PTR RISULTA COERENTE CON LA FUNZIONE DI GOVERNANCE FARMACEUTICA DEL PRONTUARIO STESSO

Una recente sentenza del Consiglio di Stato pubblicata il 18 marzo 2024 mette la parola fine sul contenzioso che si genera tra le Aziende farmaceutiche e le Regioni o loro Strutture sanitarie quando i loro prodotti vengono esclusi dai Prontuari. Il CDS si discosta dal precedente orientamento espresso con la sentenza CDS 5560/2017: in quel caso, a fronte della contestata scelta regionale in tema di inserimento dei farmaci nel PTR, veniva data enfasi ad una valutazione di maggiore efficacia terapeutica dei principi attivi inclusi rispetto a quello non inserito. Oggi al contrario il CDS, condividendo l’affermazione del TAR Sardegna, definisce il Prontuario Terapeutico Regionale come una lista di “principi attivi utilizzabili negli ospedali del territorio regionale vincolante per i medici ospedalieri” e quindi il mancato inserimento corrisponde a “raccomandazioni” che non si prefiggono di alterare il regime di prescrivibilità e rimborsabilità̀ dei farmaci, costituente il campo elettivo di azione dell’AIFA, ma si limitano a fornire direttive ai sanitari prescrittori ai fini dell’esercizio della loro attività̀ prescrittiva, ad esempio con RMP, cioè le richieste motivate prescrittive, che possono riguardare anche casi specifici di prodotti non inseriti nel PTR.

21/02/2024
APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA PER I FARMACI BIOLOGICI-BIOSIMILARI: LA MANOVRA DELLA REGIONE CALABRIA

Con il DCA n.327 del 29/12/2023 (Calabria) e con il DCA n.12 del 16/02/2024 (Molise), le Regioni Calabria e Molise hanno adottato provvedimenti significativi per promuovere l'appropriatezza prescrittiva dei farmaci biologici-biosimilari. L’iniziativa mira a garantire prescrizioni accurate e razionali, basate su criteri clinici solidi ed evidenze scientifiche. Attraverso l'approvazione di “Linee guida ed indicatori per l’appropriatezza prescrittiva per i farmaci biologici-biosimilari” e l’integrazione di “Linee di indirizzo sull’utilizzo dei biosimilari – Recepimento del Secondo Position Paper sui farmaci biosimilari dell’Agenzia Italiana del Farmaco” le Regioni si impegnano ad incentivare l'utilizzo dei biosimilari per contenere la spesa farmaceutica, con particolare attenzione alla sostenibilità del Sistema Sanitario Regionale (SSR), evidenziando un approccio attento e mirato all'impiego di farmaci efficaci ed economicamente più sostenibili.

31/01/2024
IL PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE E LE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI

Il 26 gennaio 2023 è stato adottato in sede di conferenza Stato-Regioni il Piano Oncologico Nazionale (PON) – Documento di pianificazione e indirizzo per la prevenzione e il contrasto del cancro 2023-2027. Le finalità del Piano sono rivolte al percorso di presa in carico del paziente, alla prevenzione ed al miglioramento delle cure. Ogni Regione, con l’obiettivo di recepimento PON, ha il compito di recepire, implementare e monitorare il Piano al fine di testimoniare in maniera trasparente i risultati delle strategie e delle politiche adottate, ma anche di individuare possibili criticità e inadempienze, fornendo indicazioni per gli orientamenti futuri.

30/11/2023
IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE VACCINALE (PNPV) 2023-2025

Il 02 agosto 2023 è stato approvato in conferenza Stato-Regioni il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2023-2025 ed il relativo Calendario Nazionale Vaccinale (G.U. Serie Generale, n. 194 del 21 agosto 2023). Lo scopo principale del Piano è quello di armonizzare le strategie vaccinali messe in atto nel Paese per garantire alla popolazione, indipendentemente da luogo di residenza, reddito, livello socioculturale e status giuridico, i pieni benefici derivanti dalla vaccinazione. Questa, infatti, va intesa come strumento di protezione sia individuale che collettiva da realizzarsi attraverso l'equità nell'accesso a vaccini di elevata qualità (sotto il profilo di efficacia e sicurezza) disponibili nel tempo ed a servizi di immunizzazione di livello eccellente.

Pharmakit è edito da
Chi siamo | Seguici su